Cannolo Siciliano: amuri e sapuri

Cannolo Siciliano: amuri e sapuri

Cannolo Siciliano: amuri e sapuri

Sapevate che la storia del cannolo siciliano è più particolare di quel che sembra?

Infatti, la nascita di questo dolce, prima preparato in occasione del carnevale, poi durante tutto l’anno, perdendo il suo carattere occasionale, vede come protagonisti diversi attori.

Partendo dal suo nome, è probabilmente legato alle canne di fiume su cui veniva arrotolata, nel XVII secolo, la cialda del dolce. Tempi chiaramente remoti per festeggiare il carnevale.

Ma allora a chi possiamo attribuire la realizzazione di questa leccornia? Molto probabilmente furono le donne saracene che si trovavano nell’harem del signore dell’allora “Qalc’at ak-Nissa“, l’odierna Caltanissetta per intenderci.

Esse avrebbero realizzato questo dolce unendo creativamente una ricetta di origine araba con una romana. Una volta finito il dominio arabo in Sicilia, alcune donne saracene si sarebbero convertite al cristianesimo per poi ritirarsi nei monasteri.

Una volta lì, avrebbero fatto apprendere la ricetta alle altre suore e avrebbero iniziato a produrre questo dolce durante il periodo carnevalesco. Da qui la tesi secondo cui il cannolo trovi le sue origini nella città di Caltanissetta.

Ingredienti per circa 30 cannoli:

Cialda

Farina 00: 250g
Zucchero: 30g
Strutto: 30g
Marsala: 50g
Uova: medio 1
Aceto di vino bianco: 10g
Sale fino: un pizzico
Scorza d’arancia: 1
Cannella in polvere: 2g

Ripieno

Ricotta di pecora: 1kg
Zucchero: 300g
Gocce di cioccolato fondente: q.b.

Per spennellare

Tuorli q.b.

Per friggere

Olio di semi: 1l

Per guarnire

Zucchero a velo: q.b.
Granella di pistacchi: q.b.
Arancia candita: q.b.

Preparazione

Per preparare i cannoli bisogna scolare la ricotta fresca in un colino per una notte, in modo che perda il suo siero. La preparazione del’impasto è semplice: in una ciotola sciogliere il sale nell’aceto. Setacciate la farina e unite la cannella. Aggiungere quindi lo strutto e iniziare ad impastare con le mani, successivamente versare lo zucchero, aromatizzate con la scorza di arancia e unitevi l’uovo e il marsala. A questo punto, versare l’aceto e iniziare ad impastare a mano e trasferitevi su una spianatoia leggermente infarinata per formare un panetto che deve essere coperto con una pellicola e messo in frigo per due ore. Mentre si aspetta, prendere la ricotta e aggiungete lo zucchero, mescolate bene con spatola e passate la crema in un colino per ottenere un composto liscio a cui aggiungere le gocce di cioccolato.
Coprite con la pellicola e lasciate in frigo.
A questo punto basta stendere il panetto con la sfogliatrice, ripiegarlo facendo in modo che i lembi si uniscano e passare tra i rulli diminuendo lo spessore fino a raggiungere 1,5 mm di spessore. Adesso, ritagliare dei dischi di pasta e avvolgerli intorno allo stampo per cannoli, spennellate con pochissimo tuorlo e richiude3te facendo in modo che si sigillino bene. Man mano adagiate i cannoli e copriteli con un canovaccio. Sono adesso pronti per essere immersi in olio di semi a 175° fino a doratura. Scolateli su carta per fritti, farci teli con la ricotta, guarnite con la ricotta e l’arancia candita e voilà, i vostri cannoli sono pronti per essere gustati.

Seguiteci per restare aggiornati su altre curiosità e tradizioni!

Altre curiosità

Scegli la località
Tutte le località (36)
Agrigento (4)
Caltanissetta (1)
Catania (7)
Enna (5)
Messina (7)
Palermo (4)
Ragusa (1)
Siracusa (5)
Trapani (1)
Cartoline dalla Sicilia (2)
 
Carica altri articoli
This site is registered on wpml.org as a development site. Switch to a production site key to remove this banner.