Passimi ‘na buatta!

Passimi ‘na buatta!

Passimi ‘na buatta!

Buatta” e “buttigghia” sono due termini del dialetto siculo usati soprattutto in un periodo ben definito dell’anno: l’estate.

Ma vediamo cosa significano e a cosa si riferiscono: a “buatta”, è il classico barattolo che può essere sia di vetro che di latta, a “buttigghia” è la bottiglia.

Come da tradizione, nelle calde estati siciliane, e più precisamente alla fine di agosto, in tutte le case di campagna si ha l’abitudine di “fari i buttigghi ca sassa”, conserve di salsa e pelati di pomodoro. La giornata inizia quasi all’alba, tra cassette di legno piene di pomodori rigorosamente di qualità “sammarzano”, pignatuni, cazzalori, sculapasta, cucchiari di lignu, cuppini, buatti e buttigghi di vitru (pentole, scolapasta, cucchiai di legno, barattoli e bottiglie di vetro).

Si inizia lavando i pomodori che, una volta puliti, vengono messi a bollire in grandi pentoloni. A cottura ultimata vengono punzecchiati e fatti scolare negli scolapasta. Dopo la scolatura vengono inseriti poco alla volta nel passa-pomodori, oggi strumento elettrico che sostituisce gli antichi setacci manuali, ancora disponibili nelle cucine delle nonne siciliane.

Dal passa-pomodori vengono estratti sia la polpa di pomodoro che le bucce che, per ottenere una salsa più densa, dovranno essere passate a setaccio più volte. Questo procedimento dovrà essere eseguito per l’intero quantitativo di pomodori.

Una volta finito, si inizia ad imbottigliare la salsa di pomodoro e a chiudere ermeticamente le bottiglie una ad una. Le bottiglie verranno poi inserite in grandi fusti di ferro pieni d’acqua, e separate l’una dall’altra con coperte e giornali per evitare la rottura, dove verranno cotte fino ad ebollizione. Ancora oggi, molti utilizzano la cottura a legna stando attenti che la fiamma sia sempre forte.

Fatte bollire per circa mezzora si lasciano raffreddare, si estraggono dai fusti e si conservano per 40 giorni, tempo di riposo prima che la salsa di pomodoro possa essere utilizzata.

Per i pelati il procedimento si ferma alla scolatura. I pomodori cotti vengono inseriti nei barattoli di vetro e bolliti nei fusti insieme alle bottiglie.

Giornata molto intensa caratterizzata dal particolare profumo che emana la salsa di pomodoro quando ribolle, tra il dolce e l’acidulo, pregna di famiglia e di tradizione, dove grandi e piccini lavorano, ridono, cantano e ballano. Ma questa giornata di duro lavoro e piacevole fatica alla fine viene ripagata con un buon piatto di spaghetti “‘ca sassa frisca, basilico e ricotta”, “sasizza” e “pipi arrustuti” (salsiccia e peperoni alla griglia), dolci e tanto buon vino che fa sempre buon sangue!

Vi piacerebbe passare una giornata come questa in allegria? Seguiteci!

Intanto…Buona “pasta‘ca sassa” a tutti!

Altre curiosità

Scegli la località
Tutte le località (25)
Agrigento (3)
Caltanissetta (1)
Catania (7)
Enna (3)
Messina (5)
Palermo (2)
Ragusa (1)
Siracusa (2)
Trapani (1)
Cartoline dalla Sicilia (1)
 
Milazzo-Roccavaldina-Pilone Messina Isolani per caso (20)

Milazzo e la sua Cittadella Fortificata

Oggi partiamo alla scoperta di nuove mete e questa volta ci spostiamo nell’estrema punta a Nord della Sicilia orientale, per conoscere storie e tradizioni della provincia di Messina.
Carica altri articoli
Questo sito è stato registrato su wpml.org come sito in fase di sviluppo.